COS’È VERAMENTE L’INNOVAZIONE

UNA SEMPLICE OPERAZIONE MATEMATICA

Precedentemente ho cercato di dire quali sono, per me, gli errori da non commettere se vuoi innovare il tuo lavoro o la tua attività. Ho provato, quindi, a definire cosa non è innovazione. 

A questo punto però ti starai anche chiedendo.

Cos’è l’innovazione? 

Se ti stai facendo questa domanda probabilmente la prima persona a cui chiederesti una risposta è il tuo fidato “Amico Google”. Visto che lo conosco bene anche io, ti ho anticipato (forse) e gliel’ho fatta io. Ecco cosa mi ha risposto: 

“L’innovazione è l’implementazione di un prodotto nuovo o significativamente migliorato (sia esso un bene o un servizio), o di un processo, un nuovo metodo di marketing o un nuovo metodo organizzativo in ambito di business, luogo di lavoro o relazioni esterne.”

Fonte Wikipedia

Come puoi vedere mi ha risposto in maniera sicuramente chiara, forse un po’ accademica, ma sicuramente corretta.

Ora il problema potrebbe essere come applicare queste cose al tuo lavoro di tutti i giorni. 

Come faccio a innovare realmente il mio lavoro?

Se vuoi realmente farlo ci sono diversi modi, ma io personalmente starei alla larga dai “guru” che hanno formule magiche in grado di risolvere tutti i tuoi problemi dall’oggi al domani.

Non ci sono maghi e magie, quindi, ma modelli da applicare sì. Un modello che io trovo molto interessante è l’INNOFORMULA®. Termine ideato e registrato da Ivan Ortenzi ed Ernesto Ciorra. 

Ecco come hanno sintetizzato la loro formula per l’innovazione

Innovazione= Creatività x Esecuzione x Attrattività = Valore

Prima di vedere insieme quali sono i fattori di questo modello, volevo farti notare una cosa. Il risultato è dato dalla moltiplicazione dei vari fattori, quindi se  anche un solo parametro è zero il risultato sarà zero!

Questo significa che se veramente vuoi innovare il tuo lavoro non puoi fare a meno di nessuno di questi ingredienti

Creatività:

Forse starai pensando che la creatività è una qualità, una condizione che o che l’hai o non puoi fare niente. Ho sempre pensato anche io questa cosa, ma poi ho capito, invece, che è un “muscolo” che si può allenare.  

Partiamo dalla definizione di creatività in ambito lavorativo, nello specifico quando si parla di innovazione.  Ivan Ortenzi nel suo libro la definisce così:

“La creatività rappresenta la capacità di generare, intercettare, valutare e selezionare idee, stimolando e supportando lo sviluppo dell’imprenditorialità aziendale.”

Da questa definizione si capisce che la creatività è soprattutto la volontà e la capacità di andare oltre le abitudini, la volontà di mettere in discussione tutti i processi che fanno parte del tuo lavoro.

Attenzione però, perchè va fatto con un po’ di metodo!

Prima di tutto la creatività è un processo che ha bisogno di più persone per essere veramente efficace. Non stiamo parlando della creatività dell’artista che nel buio delle sue stanze da vita a opere musicali o di altro genere. Stiamo parlando di business.

Fatti aiutare in questa fase dai tuoi collaboratori, dai tuoi dipendenti, dai fornitori. Ma soprattutto fatti aiutare da chi veramente può fare la differenza: i tuoi clienti!

Ora si potrebbe fare una lista lunghissima di attività a supporto di questa fase; tanti nomi inglesi fighissimi tipo “design thinking”, “brainstorming”, “creative thinking” etc etc. Mi permetto, invece,  di dare un’indicazione: concentrati su tutti quegli aspetti del tuo lavoro che sono recepiti come “difficoltà” dai tuoi clienti e cerca di trovare l’idea per superarli.

Esecuzione:

Nella fase precedente si va alla ricerca di idee innovative per migliorare il nostro business, per risolvere i problemi nostri e del nostro cliente, adesso bisogna fare di più.

Le idee da sole, purtroppo, non bastano serve realizzarle per ottenere risultati!

Lo so che questa affermazione ti sembrerà banale e scontata, ma cerco di spiegarmi perché, in realtà, non lo è. Non è banale perché in questa fase serve tanta energia e diciamocelo pure tanta costanza. 

Energia e costanza che non sempre riusciamo a trovare, perché siamo subissati tutti i giorni da mille cose da fare (non soltanto lavorative), quindi anche se pensiamo di avere trovato delle ottime idee va a finire che le lasciamo da una parte perché non abbiamo il modo per realizzarle.

Ci sono tanti modi e strumenti per organizzare il proprio tempo lavorativo e tante persone pronte a farti lezioni su come impostare la tua vita per ottenere tanti successi e conquistare il mondo.

Io, personalmente, credo che ognuno utilizza gli strumenti che ritiene più adatti alla propria persona e soprattutto credo che nessuno abbia formule segrete che ti possano rivoluzionare la vita.

Ti racconto una storia che, invece, mi è piaciuta molto!

Si narra che J.P. Morgan acquistò da uno sconosciuto per 25.000 dollari un foglio con la formula del successo garantito. La cosa ancora più particolare è che, si dice, acquistò questo foglio senza averne visto il contenuto.

Nel foglio c’era scritto questo: 

  1. Ogni giorno scrivi una lista di cose da fare nella giornata, 
  2. Falle!

In sintesi la formula del successo è la costanza. Questo è un elemento veramente importante che ha bisogno sicuramente più spazio, quindi se vuoi lo vediamo più avanti!

Attrattività:

Arrivati a questo punto se siamo stati bravi abbiamo ricercato un’idea e con costanza e dedizione l’abbiamo trasformata in qualcosa di concreto (creatività+esecuzione). Adesso però dobbiamo capire se quello che abbiamo fatto piace.

Sai qual è il principale motivo per cui fallisce una start-up?

Nel 42% dei casi fallisce perché ha creato qualcosa che non interessa al mercato. Il prodotto / servizio non è attrattivo, non ha appeal! 

Insomma il cliente è il giudice assoluto di quello che fai!

Ovviamente non è facile capire se quello che stai facendo (o pensando di fare) sarà utile e quindi apprezzato dai tuoi clienti. Esiste, tuttavia, un metodo molto utile per misurare l’attrattività di quello che stai facendo, si chiama: lean startup.

Se cerchi in rete troverai tantissimo materiale su questo metodo quindi mi limito a “copiare e incollare”  la definizione di Wikipedia:

“Il Lean Startup è un approccio radicale per il lancio di idee e attività innovative – siano imprese esordienti o progetti nuovi all’interno di grandi imprese consolidate – che aiuta ad individuare un percorso verso un business sostenibile, riducendo drasticamente tempi e costi, e, di conseguenza, la possibilità di fallire.”

Della definizione sopra riportata non mi piace soltanto una cosa, cioè che parla di “imprese esordienti o progetti nuovi all’interno di grandi imprese consolidate” facendo quasi pensare che tutto ciò che sta in mezzo debba essere escluso da questo approccio.

Il Lean Startup, invece, non è un approccio idoneo solo a start-up o a grandi aziende strutturate, personalmente ritengo sia applicabile in qualsiasi ambito professionale o lavorativo.

Come si applica concretamente?

Idea → Prototipo → Test → Impara

Prendi un’idea, fanne un prototipo, fallo provare ai tuoi clienti, raccogli i risultati. Se sono buoni migliora il prototipo e fallo diventare un prodotto. Se i risultati non sono buoni cerca di migliorare il prototipo. Se i risultati sono pessimi lascia stare il prototipo e passa all’idea successiva.

Sicuramente ho riassunto in maniera fin troppo semplicistica un approccio che è stato la fortuna di molte aziende e startup della gloriosa e famigerata Silicon Valley, ma almeno mi auguro di essere stato chiaro.

Arrivato a questo punto è giusto provare a dare definizione di innovazione. In sintesi estrema si può dire che:

Innovazione = Valore

Il concetto di valore ha un’importanza fondamentale in tutti i processi di innovazione e ci sono dei metodi molto interessanti per capire se il tuo prodotto o servizio è in grado di offrire valore (e cosa migliorare se non lo sta facendo)

Se la tua curiosità si è accesa, li vediamo al prossimo episodio!

TI È PIACIUTO QUESTO EPISODIO? 

CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI

Share on whatsapp
WhatsApp
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email

NEL PROSSIMO EPISODIO…

Se hai un prodotto o un servizio che è adatto a tutti, probabilmente non lo vorrà nessuno!

Lo so che può sembrare paradossale ma è proprio così. Immagino, invece, che anche a te piaccia acquistare dei prodotti che sembrano fatti su misura per le tue esigenze.

Hai mai visto una mucca viola?

VUOI AVERE TUTTI GLI EPISODI SEMPRE DISPONIBILI ANCHE OFFLINE?

RICEVERAI LA SERIE COMPLETA IN FORMATO EPUB DA FRUIRE DA TABLET O DA EBOOK READER!

ATTENZIONE: È GRATIS E NON FACCIO SPAM!